In evidenza

"REGIME CHANGE", IL CASO VENEZUELA E L'EUROPA di Alberto Benzoni

In linea generale, l'obbiettivo del cambiamento di un regime, per mutarne la condotta o per cambiarne il gruppo dirigente, risale alla "divina sorpresa" del 1989 e dei primi anni novanta. Se erano state possibili non solo la dissoluzione del campo socialista ma l'adesione delle sue classi dirigenti alle virtù del capitalismo e del libero mercato, l'occidente aveva, perciò stesso, verificato definitivamente la sua superiorità sistemica e la sua capacità di attirare al suo interno i recalcitranti, con il ricorso alla persuasione e, in via subordinata, alla forza. Nello specifico diventerà, durante ma soprattutto dopo la presidenza Obama -in alternativa sia al disimpegno che all'intervento militare diretto- lo strumento essenziale per assicurare la difesa dell'egemonia americana al minor costo possibile. Suo strumento di prima istanza l'applicazione sistematica e generalizzata del meccanismo delle sanzioni, diretto a colpire sia i "colpevoli" (talora per il solo fat ...[segue]

Archivio articoli

Le Notizie

Archivio notizie